Developed in conjunction with Ext-Joom.com


RegioneVDA

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEGLI
ABBRUCIAMENTI AGRICOLI

L’abbruciamento dei residui vegetali è considerato da molti una pratica agricola ordinaria, finalizzata non solo a ripulire il terreno, ma anche alla mineralizzazione degli elementi contenuti nei residui organici, alla concimazione dei terreni coltivati ed al controllo delle fonti di inoculo e propagazione delle fitopatie in grado di colpire le colture agrarie.

Ma la combustione non controllata di residui agricoli produce sostanze inquinanti con impatti a scala globale, regionale e locale sulla qualità dell’aria, la salute umana ed il clima.

Lo scopo principale delle linee guida è quello di fornire uno strumento di supporto prima dell’inizio del periodo autunnale/invernale, in cui abitualmente vengono effettuate la pulizia di prati e orti e le potature delle piante, al fine della corretta gestione di una pratica agricola largamente diffusa.

pdf icon Scarica le LINEE GUIDA

IN SINTESI

L’abbruciamento rappresenta sempre una fonte di emissioni inquinanti in atmosfera, che può disturbare i vicini e avere effetti sulla salute e sull’ambiente. E’ quindi fortemente consigliato in tutti i casi in cui è possibile gestire i residui agricoli attraverso il compostaggio o il conferimento nei centri di raccolta. Se non vi è altra possibilità l’abbruciamento dei residui agricoli è consentito nel rispetto di alcune condizioni e limiti previsti dalle norme nazionali, regionali e comunali.

Quando è possibile bruciare residui vegetali: (devono essere soddisfatte tutte le seguenti condizioni)

  • solo sul luogo di produzione;
  • solo su fondo agricolo (terreni agricoli);
  • solo se il sottoprodotti vengono utilizzati sul luogo di produzione come ammendanti/concimanti del terreno. Cioè le ceneri rimanenti devono essere sparse sul terreno di produzione;
  • in quantità giornaliere non superiori a 3 metri steri (vuoto per pieno) per ogni ettaro di terreno;
  • a distanza superiore ai 50 m da boschi, da incolti o terreni con vegetazione secca;
  • in mancanza di regolamenti comunali/regionali, ad una distanza superiore ai 100 metri dalle case, dagli edifici, dai boschi, dalle piantagioni, dalle siepi, dai mucchi di biada, di paglia, di fieno, di foraggio e da qualsiasi altro deposito di materia infiammabile o combustibile;
  • non arrechi molestia ai vicini;
  • purché non sia un pericolo per la salute umana.

Quando è vietata ogni attività di abbruciamento dei materiali vegetali: (é sufficiente una sola di queste condizioni affinché sia VIETATO)

  • eseguita fuori dal luogo di produzione;
  • su giardini di pertinenza dell’abitazione (es. potatura siepi, fogliame…), o con destinazione diversa da quella agricola;
  • per una finalità diversa dal reimpiego dei materiali come sostanze concimanti o ammendanti;
  • in quantità giornaliera superiore a 3 metri steri (vuoto per pieno) per ogni ettaro di terreno;
  • a distanza inferiore ai 50m da boschi, da incolti o terreni con vegetazione secca;
  • nei periodi di massimo rischio per gli incendi boschivi, dichiarati dalla Regione;
  • in mancanza di regolamenti comunali/regionali, ad una distanza minore di cento metri dalle case, dagli edifici, dai boschi, dalle piantagioni, dalle siepi, dai mucchi di biada, di paglia, di fieno, di foraggio e da qualsiasi altro deposito di materia infiammabile o combustibile;
  • se disturba il vicinato oltre il normale limite di tollerabilità;
  • se esistono prescrizioni per superamenti dei limiti della qualità dell’aria;
  • se esistono ordinanze per elevato rischio incendio (siccità o forte caldo o vento).

 

Notizie
 
stemma arvier

AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE
DELL'AREA VERDE SPORTIVO-RICREATIVA SAINT-ANTOINE
PER SEI ANNI DAL 2020 AL 2026 ED EVENTUALE RINNOVO
PER ULTERIORI SEI ANNI DAL 2027 AL 2032



 pompieri8marzo

I Vigili del Fuoco volontari di Arvier vi aspettano davanti al Crai di Arvier

Domenica 8 marzo dalle 09.00 alle 12.30

Attenzione: Manifestazione rinviata a data da destinarsi!


 Resoconto Carnevale 16-02-20

carnevale


RegioneVDA

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEGLI
ABBRUCIAMENTI AGRICOLI

L’abbruciamento dei residui vegetali è considerato da molti una pratica agricola ordinaria, finalizzata non solo a ripulire il terreno, ma anche alla mineralizzazione degli elementi contenuti nei residui organici, alla concimazione dei terreni coltivati ed al controllo delle fonti di inoculo e propagazione delle fitopatie in grado di colpire le colture agrarie.

Ma la combustione non controllata di residui agricoli produce sostanze inquinanti con impatti a scala globale, regionale e locale sulla qualità dell’aria, la salute umana ed il clima.

Lo scopo principale delle linee guida è quello di fornire uno strumento di supporto prima dell’inizio del periodo autunnale/invernale, in cui abitualmente vengono effettuate la pulizia di prati e orti e le potature delle piante, al fine della corretta gestione di una pratica agricola largamente diffusa.

pdf icon Scarica le LINEE GUIDA

Leggi tutto: Linee guida abbruciamenti residui agricoli

Se mi ami1